Le informazioni e  le FAQ, per ricevere assistenza sulle questioni relative al tuo contratto.

    Pronto Intervento

    800 830 500

    Numero verde attivo (gratuito da rete fissa)

    0974 62099

    (Costi in base al proprio piano tariffario)

    Attivo 24/24h

    Call Center

    800 831 288

    Numero verde attivo (gratuito da rete fissa)

    097475622 | 097475616

    (Costi in base al proprio piano tariffario)

    Da Lunedì al Venerdì  08:00 – 14:00 – Martedì, Giovedì 15:00 – 17:30

    FAQ (Risposte alle domande frequenti)

    1) Il Settore

    Che cos'è il servizio idrico integrato ?

    E’ il servizio disciplinato dall’art.141 e seguenti del testo unico ambiente approvato con D.Lgs.152/2006 che comprende la distribuzione dell’acqua potabile, il servizio di fognatura e depurazione.

    Posso erogare l’acqua ad un’altra famiglia o ad altri locali di mia proprietà ?

    Il Regolamento del servizio vieta la sub erogazione e stabilisce alcune penalità. E’ altresì vietato l’uso promiscuo ancorché il soggetto beneficiario sia la stessa persona. In altre parole l’allacciamento idrico all’immobile può essere utilizzato per alimentare locali pertinenziali posti nello stesso stabile o anche scollegati da esso ad esempio un box , un deposito a servizio dell’appartamento ma non locali destinati ad uso produttivo, artigianale, uffici, ecc.

    Chi è il Gestore ?

    E’ il soggetto pubblico o privato a cui viene affidato il servizio idrico integrato.

    Quand’è che il Gestore sospende il servizio di erogazione potabile ?

    Il Gestore si impegna affinché sia garantita la continuità del servizio gestendo secondo criteri di efficacia e di efficienza gli impianti ad esso affidati. L’interruzione può avvenire per diverse cause: scarsità dovuta alla carenza di piogge e di risorsa, guasti alle reti o agli impianti, interventi di manutenzione.Le eventuali sospensioni del servizio sono oggetto di specifici avvisi volti a fornire ai Clienti le informazioni sui tempi di ripristino.

    Quali gli obblighi del Gestore ?

    Gli obblighi e gli standard del servizio che il Gestore deve assicurare sono riportati nella Carta dei Servizi approvata dall’Ato.

    Tra gli obblighi principali rientrano l’erogazione dei servizi secondo le disposizioni vigenti e gli indirizzi dell’Ato gestendo in maniera adeguata i manufatti ad esso affidati, l’ottimizzazione dei servizi cercando di ridurre al minimo gli inconvenienti e i disservizi, una equa ripartizione della risorsa ove questa non sia disponibile in modo sufficiente.

    Che cos’è l'Ente Idrico Campano ?

    E’ l’ambito territoriale unico, istituito con legge regionale n.15 del 02/12/2015 di dimensione regionale, suddiviso in ambiti distrettuali corrispondenti ai preesistenti ambiti territoriali ottimali tra i quali rientra l’Ambito distrettuale Sele.

    Che cos’è l'Ambito distrettuale Sele ?

    Corrisponde al preesistente Ambito Territoriale Ottimale,  ATO Sele e comprende un territorio di 142 comuni della provincia di Salerno, 2 comuni della provincia di Avellino e un comune ricadente nel territorio della città metropolitana di Napoli.

    Cos’è il Pronto Intervento ?

    Vi convergono tutte le informazioni relative a guasti di impianti, perdite, interruzioni dell’erogazione, eventuali disfunzioni del servizio. Il Pronto Intervento risponde al numero di chiamata gratuita 800.830.500 per raccogliere le segnalazioni dei cittadini circa i disservizi in atto e fornisce informazioni sulle attività del Gestore volte a ridurre ed eliminare le problematiche. Per chiamate dal cellulare occorre digitare il n. 0974.62099.

    Che cosa è l’AEEGSI ?

    Con il Decreto Legge n. 201/11 (c.d. “Salva-Italia”) sono state attribuite all’Autorità per l’energia elettrica e il gas, oggi Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI) “le funzioni attinenti alla regolazione e al controllo dei servizi idrici”. Queste funzioni – che sono individuate dal DPCM 20 luglio 2012 – vengono esercitate dall’Autorità con gli stessi poteri attribuiti dalla sua legge istitutiva (la L. n. 481 del 1995) e fanno riferimento a diversi aspetti del servizio idrico integrato: dalla definizione dei costi ammissibili e dei criteri per la determinazione delle tariffe a copertura di questi costi, alle competenze in tema di qualità del servizio, di verifica dei piani d’ambito e di predisposizione delle “convenzioni tipo” per l’affidamento del servizio

    2) Rapporto Contrattuale

    Cosa devo fare per avere un nuovo allacciamento ?

    Compila la domanda utilizzando i modelli messi a disposizione da Consac presso gli uffici o sul  sito web  nella sezione modulistica oppure accedendo ai servizi on line. La domanda deve essere presentata  presso gli uffici  a mano o in alternativa inviata a mezzo posta, fax, email o via web mediante i servizi on line. Esaminata la domanda verrà compiuto un sopralluogo per verificare la fattibilità che, in caso di esito positivo, verrà formalmente comunicata al cliente con il preventivo dei lavori, specificando quali tra questi possono essere eseguiti dal richiedente stesso e quali devono obbligatoriamente essere eseguiti dal Gestore. Eseguiti i lavori il Gestore installa il misuratore ed una serie di apparecchiature idrauliche dando corso alla fornitura.

    Quali specifici obblighi assume il Cliente con la firma del contratto ?

    Il Cliente è responsabile del mantenimento della qualità della risorsa dopo il punto di consegna nel suo impianto interno. Egli assume l’impegno di pagare i prelievi di risorsa che ha effettuato e i servizi di cui ha goduto, di consentire la lettura, di vigilare sull’apparecchiatura installata dal Gestore presso i suoi locali, ecc.. Esistono poi numerosi divieti tra i quali il divieto di sub erogare a terzi la risorsa, altri connessi all’uso improprio dello scarico fognario, ecc.

    Tra i principali obblighi del Cliente rientra la collaborazione che si concretizza attraverso il buon senso, lo spirito di iniziativa, facendosi parte attiva e quant’altro consenta la migliore esecuzione del contratto nell’interesse comune.

    Se il contratto è intestato a persona deceduta ?

    Una persona deceduta non può essere titolare di diritti o di obblighi per cui l’intestazione deve essere trasferita ad un erede o ad altra persona. Chi ha interesse può chiedere la voltura presso gli uffici o scaricando l’apposito modulo nella sezione modulistica oppure accedendo ai servizi on line specificando che l’intestatario è deceduto. La voltura in caso di decesso è gratuita.

    Posso trasferire il mio contratto ad altra persona ?

    Si tratta della voltura che è il trasferimento dell’utenza in corso di fornitura. Il Cliente uscente e quello subentrante sottoscrivono un unico modello di richiesta.

    Come fare per disdire il contratto ?

    Basta comunicare al Gestore le intenzioni di disdire il contratto.

    Come faccio ad effettuare un reclamo ?

    Il Gestore ha un Ufficio Reclami nel quale sono istruiti i reclami presentati dai Clienti. Il reclamo deve essere presentato per iscritto e prevede una risposta scritta del Gestore entro un termine massimo stabilito dalla Carta dei Servizi. Se il reclamo attiene una bolletta i termini per il pagamento sono sospesi fino alle decisioni comunicate al Cliente dal Gestore che fisserà, eventualmente, un nuovo termine per il pagamento.

    Come posso eseguire l'autolettura ?

    L’autolettura del contatore può essere effettuata esclusivamente con una delle seguenti modalità, attive 365 giorni all’anno:

    – attraverso maschera web – chat nei servizi on line sul sito web “www.consac.it” previa registrazione (seguire la procedura indicata);

    – con sms al n. 3387931113 riportando il codice utente composto da n. 8 numeri (senza indicazione della barra), il cognome del titolare del contratto e la lettura espressa in metri cubi;

    – per telefono al n. 0974 75622 seguendo la procedura indicata dai ns. centralini;

    – all’indirizzo mail “autolettura@consac.it” riportando il codice utente composto da n. 8 numeri (senza indicazione della barra), il cognome del titolare del contratto, la lettura espressa in metri cubi, la data della rilevazione ed eventualmente una foto leggibile del contatore in allegato.

    Come posso pagare la bolletta ?

    – a mezzo bollettino postale, presso un qualsiasi ufficio abilitato o da casa, compatibilmente ai servizi attivati sul proprio conto;

    – tramite bonifico bancario o postale, sul conto corrente intestato a “Consac gestioni idriche Spa presso Poste Italiane Spa” – coordinate bancarie IT 26J 07601 15200 000000009845;

    – con addebito su conto corrente bancario o postale;

    on-line, con carta di credito o prepagata, previa registrazione all’Area Clienti. Il servizio è reso da PayPal. Attraverso questa modalità, è momentaneamente possibile il saldo delle sole bollette. Sono consentiti pagamenti nella sola valuta euro. In caso contrario, il gestore declina ogni responsabilità per operazioni non andate a buon fine. La commissione per il servizio si compone di una quota fissa – pari a 0,35 euro – e di una variabile legata all’importo della singola transazione. Maggiori informazioni sono reperibili su www.paypal.it;
    – presso qualsiasi punto vendita autorizzato sul territorio nazionale LIS PAGA di Lottomatica, in contanti o tramite carte di pagamento. La commissione per il servizio è di 2 euro a bollettino.

    – presso qualsiasi punto vendita autorizzato sul territorio nazionale SISAL PAY, in contanti o tramite carte di pagamento. La commissione per il servizio è di 2 euro a bollettino.

    Il Gestore può interrompere la fornitura ad un singolo cliente ?

    I casi di sospensione del servizio sono tassativamente previsti dal regolamento approvato dall’Ente di Ambito. Essi riguardano: la chiusura per morosità, la manomissione di sigilli e le operazioni destinate a rendere irregolare il funzionamento dell’apparecchio misuratore, la mancata regolarizzazione di impianti interni irregolari o che rechino connessioni pregiudizievoli con altre fonti di approvvigionamento, qualora vengano introdotte nello scarico sostanze inquinanti e pericolose, nel caso il Cliente diventi irreperibile e la corrispondenza venga restituita dalle Poste, se il Cliente sia deceduto e nessuno degli eredi abbia chiesto la voltura del contratto, in caso di fallimento del Cliente, qualora non venga esibito il certificato di regolarità degli impianti interni, fino ad avvenuta regolarizzazione dell’uso promiscuo o sub distribuzione.

    3) Servizi On-Line

    Come accedo all’area clienti ?

    Per accedere all’area clienti è necessario registrarsi. Occorre cliccare sul link “registrati”, inserire un proprio indirizzo email valido, scegliere una password alfanumerica di almeno sei caratteri e compilare i campi richiesti. L’operazione si completa confermando la registrazione sul link di attivazione riportato nella email che riceverai all’indirizzo di posta elettronico indicato.

    Come posso associare un’utenza al mio profilo ?

    Al momento della registrazione all’area clienti ti verrà associato un profilo utente che raccoglie i tuoi dati personali. Per visualizzare gli elementi del contratto stipulato devi associare al tuo profilo l’utenza (o le utenze) di cui sei titolare. Per farlo entra nella sezione “Utenze” e compila i campi visualizzati; le informazioni richieste puoi trovarle in una qualsiasi fattura ricevuta dal 2002 in poi.

    Come posso richiedere un servizio ?

    Per richiedere uno dei servizi offerti, accedi all’area “Servizi”. Puoi comunicare la lettura del tuo contatore, chiedere l’inoltro della fattura via email o autorizzare Consac all’addebito sul tuo c/c delle fatture ricevute, compilando semplicemente i campi con i dati richiesti. Fai attenzione: se hai associato al tuo profilo più di un’utenza, verifica di aver selezionato quella giusta prima di procedere in “Seleziona utenza attiva” dal menu “Utenze”.

    Come posso inoltrare una richiesta ?

    Per inoltrare specifica richiesta, una volta entrati nell’area clienti, clicca sul menu “Richieste”. Seleziona quella di tuo interesse e compila i campi che appaiono con i tuoi dati. Fai attenzione: se hai associato al tuo profilo più di un’utenza, verifica di aver selezionato quella giusta prima di procedere in “Seleziona utenza attiva” dal menù “Utenze”.

    4) Tariffe

    Come è calcolata la tariffa ?

    Il 1° gennaio del 2016 è entrato in vigore il “Metodo Tariffario Idrico 2016-2019”, il nuovo quadro di regole definito in materia dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico con la delibera 664/2015/R/idr. Il metodo si fonda su due principi base ereditati da quello precedente,  quali selettività e responsabilizzazione, da attuare attraverso una regolazione asimmetrica, capace di adattarsi alle diverse esigenze di un settore molto differenziato sia a livello locale che nella governance. La regolazione tariffaria applicata nel secondo periodo regolatorio è infatti riconducibile ad una matrice di schemi, in numero maggiore rispetto a quelli definiti nel primo, nell’ambito della quale ciascun soggetto competente individua la soluzione più efficace in base alla realtà in cui opera. I driver principali afferiscono al fabbisogno di investimenti rapportato al valore delle infrastrutture esistenti, all’eventuale presenza di variazioni negli obiettivi o nelle attività del gestore, legata a processi di aggregazione o a rilevanti miglioramenti qualitativi dei servizi erogati, all’entità dei costi operativi per abitante servito rispetto al dato medio di settore.

    Esistono esenzioni dal pagamento del servizio fognatura e depurazione ?

    Si. Sono esenti dal servizio di fognatura e depurazione le utenze non collegate alla rete fognaria. Le acque devono essere raccolte in vasche a tenuta e consegnate agli smaltitori autorizzati. Sono esenti dal servizio di depurazione le utenze che ancorché collegate alla rete fognaria non recapitano nel depuratore.

    Qual è il limite di consumo idrico oltre il quale si applica la tariffa di eccedenza ?

    Il limite è fissato in 140 mc. annui. Questo dato è stato calcolato su base statistica tenendo conto dei consumi reali che caratterizzano i consumi nell’area del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. I dati consolidati dei consumi degli utenti residenti evidenziano un consumo variabile dai 75 mc/annui nei piccoli Comuni interni ai 140 mc annui per famiglia nei Comuni della costa o quelli di maggiore dimensione geografica.

    Ad esempio per una famiglia tipo la cui composizione media è di 2,3 unità è dunque possibile consumare per ogni persona circa 160 litri al giorno senza pagare eccedenze.

    Cos'è il deposito cauzionale?

    Il  Deposito Cauzionale è una somma di denaro che l’utente del servizio idrico integrato versa al gestore a titolo di garanzia per il prelievo di risorsa e quindi per l’utilizzo del servizio effettuato in via anticipata, pagandone il corrispettivo solo a distanza di tempo.

    NUMERO VERDE

    800 831 288

    (Gratuito da rete fissa)

    Se hai bisogno di informazioni oppure vuoi qualche chiarimento, compila il form sottostante.

    Form di richiesta

    Ricorda di compilare tutti i campi, per permetterci di rispondere meglio alle tue richieste ed esigenze.