Allacciamento idrico / fognario

    C.R

    Per richiedere un nuovo allaccio, idrico o fognario, puoi accedere ai servizi on line o servirti degli appositi moduli. Puoi scaricarli qui di seguito, dopo aver selezionato opportunamente le tipologie di fornitura e d’uso.

    Tipologia Fornitura

    Tipologia d’Uso

     

     

    Per le dichiarazioni di residenza e del numero dei componenti il nucleo familiare compila il modulo.

    Per delegare un’altra persona al compimento delle operazioni necessaria scarica e compila l’apposito modulo.

    L’istanza, completa in ogni sua parte, va inoltrata al gestore a mezzo posta (Via Ottavio Valiante, 30 – 84078 Vallo della Lucania SA), fax (097475623), e-mail (avviocontratto@consac.it) oppure può essere consegnata a mano agli sportelli unitamente alla copia del versamento di euro 35,00, eseguito a titolo di acconto sul totale dei costi amministrativi da sostenere (tariffario) sul c/c postale n. 9845 intestato a “Consac gestioni idriche SpA, via Ottavio Valiante, 30 – 84078 Vallo della Lucania (SA)” con causale “Richiesta allacciamento eseguita da [nome e cognome] del [data]”.

    Per l’inoltro su casella di posta elettronica ogni documento (modulo istanza ed allegati) deve costituire un file, in formato “pdf” o “jpeg”; per motivi di sicurezza non si accettano invii in “WeTransfer” o con sistemi similari.

    Alla verifica dell’istanza farà seguito un sopralluogo tecnico in loco. Qualora le attività abbiano esito positivo, il gestore trasmette il preventivo dei lavori da eseguire unitamente all’elenco degli atti autorizzativi che eventualmente sono da richiedere alle autorità competenti. Ultimate tali operazioni, si procede con l’installazione del misuratore o col posizionamento del pozzetto di ispezione dando poi corso al servizio richiesto.

    L’art. 817 del cod. civ. in materia di pertinenze, statuisce che si definiscono tali “le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un’altra cosa” e che “tale destinazione può essere disposta dal proprietario dell’immobile o da chi abbia un diritto reale sulla medesima”. In virtù di tale disposizione, per le unità immobiliari classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un’unità per ciascuna, gli utenti che sull’abitazione principale usufruiscono dei vantaggi previsti per la tipologia d’uso “domestico residente”, possono avvalersi dei medesimi anche per ciascuna delle pertinenze dichiarate  . Ricordiamo che: la categoria C/2 comprende magazzini e locali di deposito, cantine, soffitti, solai; la categoria C/6 comprende stalle, scuderie, rimesse, posti auto, autorimesse (senza fine di lucro); la categoria C/7 comprende tettoie chiuse o aperte.

    Per ulteriori informazioni consulta:

    Foglio Informativo

    Disposizioni tecniche allacciamenti

    Assimilazione dei reflui industriali alle acque reflue domestiche – istanze e autorizzazioni